sabato, ottobre 21, 2006

Telefonare all'Angelo Sterminatore

L' "independent" del 18 ottobre pubblica un articolo di Ed Caesar sulla possibilità di estrarre idrati di metano dai ghiacci polari, metano che lui chiama "oro".

Oro, forse, ma oro assai pericoloso. Secondo la visione che si sta affermando fra geologi e paleontologi, la causa della distruzione dei dinosauri 60 milioni di anni fa, e delle varie estinzioni di massa nella storia terrestre, sono stati appunto gli idrati di metano.

Il metano è un gas-serra molto più potente del biossido di carbonio. Quello che sembra che sia successo periodicamente nella storia planetaria è stato che un rilascio parziale di metano dagli idrati abbia causato un aumento di temperatura atmosferico. Questo aumento ha sciolto altro ghiaccio che ha rilasciato altro metano dagli idrati. Questo metano ha causato ulteriore riscaldamento e ulteriore rilascio..... Desertificazione e estinzioni di massa: un disastro planetario che richiede milioni di anni di paziente opera della fotosintesi per rimettere le cose a posto.

Già ora siamo nei guai con il pianeta che si sta riscaldando per effetto della CO2 dai combustibili fossili. Parlare seriamente di estrarre il metano dagli idrati per farne carburante per le SUV vuol dire mettere in giro ulteriori gas serra sia CO2 da combustione sia metano puro per le inevitabili perdite dovute all'estrazione. Questo vorrebbe dire dare una decisa accellerazione al processo di riscaldamento già in atto

Nell'apocalisse, l'Angelo Sterminatore è mandato da Dio per punire gli uomini dei loro peccati. Qui, questi che vogliono sfruttare gli idrati hanno il numero di telefono dell'Angelo in questione e lo stanno chiamando direttamente perché venga a fare il suo mestiere.


From the Independent
Beneath our seas, reserves of frozen methane hold more energy than all
other fossil fuels put together. But can we get at them without
causing environmental meltdown? Ed Caesar reports
Published: 18 October 2006

At the bottom of the planet's deepest oceans, and beneath the frozen
shallows of our coldest seas, there is gold.

Gas hydrate, an ice-like crystalline solid that exists in the oceanic
sediment, is a mixture of water and gas - usually methane. It may
become one of the great energy sources of the 21st century, with the
power both to enhance our lives, and, if approached without care, to
damage our planet irreparably. Last week, 100 scientists from 20
countries convened in Edinburgh to discuss the best way to progress
with gas hydrate research, and it will not be their last meeting.
Full Article

/

2 commenti:

Chinablu ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Chinablu ha detto...

Stasera, a Crozza Italia, su La7, c'era Federico Rampini, il corrispondente di Repubblica da Pechino, che spiegava come già avremo i nostri problemi a smaltire i residui della combustione del carbone che ricoprono i cieli di Cina e India. Ci mancavano questi fuori di testa che vogliono estrarre metano dal ghiaccio...