mercoledì, marzo 25, 2009

Non tutte le crisi vengono per nuocere

Questo grafico a torta, che ho ricavato dai dati statistici provvisori disponibili per il 2008 sul sito di Terna S.p.A., rappresenta la ripartizione tra le varie fonti del Consumo Interno Lordo di Energia Elettrica. Per Consumo Interno Lordo, si intende la produzione nazionale lorda, cioè quella misurata ai morsetti dei generatori elettrici più il saldo tra importazioni ed esportazioni. Come anticipato in un mio precedente articolo, siamo in presenza di un evento storico: Per la prima volta dal 1981 il Consumo Interno Lordo si riduce rispetto all’anno precedente, da 360,2 Twh a 357,4 Twh (- 0,8%). Questa riduzione complessiva è il frutto di un aumento della Produzione Nazionale Lorda, da 313,9 Twh a 317,9 Twh, e di un calo delle importazioni, che passano da 46,3 Twh a 39,5 Twh.
In un altro mio articolo è possibile confrontare il grafico del 2008 con quelli del 2006 e 2007.

Analisi.
Continua la tendenza verso una sempre più marginale (5,1%) dipendenza dal petrolio della produzione termoelettrica, la conferma del ricorso al gas naturale come principale fonte per il termoelettrico, che raggiunge quasi il 50%, un contributo stabile dei combustibili solidi (carbone), ma si registra una riduzione apprezzabile del saldo tra import ed export (principalmente energia nucleare proveniente dalla Francia) e un sensibile aumento (+ 2,8%) del peso delle rinnovabili determinato da una crescita della produzione idroelettrica, da 32815 GWh a 39980 GWh (+ 21,8%), dovuta a un inverno più piovoso, e da un’ulteriore crescita dell’eolico, da 4035 GWh a 6437 GWh (+ 59,5%).
Proviamo ora ad abbozzare un’analisi politico – strategica a partire da questi freddi numeri. E’ molto probabile che il calo del Consumo Interno Lordo non sia un fattore contingente ma un dato strutturale. Potremmo cioè essere in presenza del picco italiano del consumo di energia elettrica, effetto per il 2008 del combinato disposto degli alti prezzi petroliferi e della successiva crisi finanziaria. I primi sintomi di ripresa economica e di rilancio della domanda mondiale potrebbero essere tarpati sul nascere da una nuova volata delle quotazioni del petrolio che innescherebbero un meccanismo di retroazione negativa nei confronti dei consumi elettrici, variabile fortemente dipendente dalla crescita economica.
Ipotizziamo quindi, cautelativamente, che il Consumo Interno Lordo italiano di energia elettrica oscilli nei prossimi anni intorno al valore del 2008, mantenendosi sostanzialmente costante. Potremmo quindi pensare a uno scenario di breve – medio termine che preveda una ulteriore moderata crescita del gas naturale, fino al 55%, una maggiore penetrazione delle rinnovabili, fino al 25%, una stabilizzazione del saldo tra importazioni ed esportazioni intorno al 10%, l’azzeramento della dipendenza dal petrolio e un dimezzamento della dipendenza dal carbone.
A partire da queste ipotesi, utilizzando i valori emissivi contenuti nella Decisione della Commissione 29/01/2004 attuativa della Direttiva 2003/87/EC per il monitoraggio dei GHG (Green House Gas), otteniamo una minore emissione complessiva del sistema elettrico italiano di circa 25 Mton (milioni di tonnellate) di CO2, corrispondenti alla riduzione prevista per il settore elettrico dalla delibera CIPE 19/12/2002 in applicazione del Protocollo di Kyoto.
Questo scenario richiede però alcune scelte politiche chiare. La prima riguarda la diversificazione delle fonti di approvvigionamento del gas naturale. Questo combustibile è nettamente il meno inquinante e consente alti rendimenti energetici nelle centrali a ciclo combinato. Però occorre evitare cali improvvisi delle forniture legati a decisioni imprevedibili dei paesi produttori. Questo implica, piaccia o non piaccia, la costruzione di un numero sufficiente di rigassificatori. E’ necessario rafforzare le politiche di partnership con la Francia che consentano di consolidare i rapporti commerciali nel settore elettrico e infine attuare una nuova politica selettiva di incentivazione delle rinnovabili che punti a massimizzare la produzione a parità di potenza installata.

9 commenti:

Francesco Ganzetti ha detto...

....Riduzione dei consumi nazionali di energia elettrica di qualche punto percentuale? ok

Progressivo "shift" del termoelettrico da petrolio e derivati verso il gas ? Ok

Non credo però che tutto ciò permetta di stare allegri, almeno finchè non ci saremo liberati dai combustibili fossili...(Non è forse il gas non derivato da biomasse un combustibile fossile anch'esso ?)
Se qualcuno di voi ha mai giocato a simicity 3000, vi ricorderete che la transizione dal termoelettrico da petrolio e derivati a quello gas dipendente produceva solo una riduzione dell'aumento dei gas serra....

Domanda per i più esperti : una casa così detta passiva, che sfrutti al massimo l'irragiamento solare nei mesi invernali per riscaldare gli ambienti, ed in d'estate per scaldare l'acqua, si dovrebbe concilare solo con una edilizia di monofamilaire o tipo villette a schiera al massimo : non credo sia possibile raggiungere una efficienza lontanamente paragonabile anche solo in un piccolo condominio....Se in effetti è così, allora vuol dire che l'ecologia, almeno in una fase di transizione nientaffatto breve, anche da questo punto di vista mal si concilia con un elevato numero di abitenti all'interno di un determinato territorio...

Anonimo ha detto...

Le villette a schiera sono tipiche dell'urbanistica Usa che poi fa si che i cittadini di quel paese, a causa delle enormi distanze da percorrere diventino schiavi dell'auto.

Inoltre qui un Italia non abbiamo abbastanza territorio da sacrificare a sterminate periferie di villette unifamiliari.

No, secondo me la soluzione va ricercata anche nella riqualificazione dei condomini gia' esistenti per renderli il più possibile autosufficienti dal punto di vista energetico.

Walter

Anonimo ha detto...

D'accordo sulla diversificazione delle fonti di approvvigionamento del gas naturale, un po'meno su quella dei rigassificatori(vere e proprie mega bombe potenziali) se si sceglie di costruirli vicino ai centri abitati.
Però bisogna tener conto che il picco strutturale di produzione è in vista anche per il gas e allora tutti i bei discorsi sul calo di emissione di CO2 italiana per i prossimi anni vanno a farsi friggere.
E' la variabile "oscura" carbone quella da tener d'occhio attentamente purtroppo...

Paolo B.

Anonimo ha detto...

Energia elettrica a buon mercato? Fonti rinnovabili? Oggi è stato inaugurato il nuovo inceneritore di Acerra! Allegria!

Alessio

Anonimo ha detto...

Intanto hanno dato il via libera alla realizzazione del controverso termovalorizzatore a Modugno(BA)...

Paolo B.

Anonimo ha detto...

I commenti danno uno spaccato della realtà: cosa ci vorrebbe (e chi è ben informato vorrebbe) ed invece cosa fà chi gestisce i soldi ed il potere.

I rigassificatori... soldi sprecati. Gli stessi soldi destinati in efficienza energetica compenserebbero i m3 da stoccare.
Rischio di shortage per chiusura rubinetti? Ben venga, così finalmente ci sarà un interesse senza remore per pannelli termici, fotovoltaico, ecc... Tanto lo shortage, come dice bene Paolo B., ci sarà lo stesso subito dopo a causa del picco del gas.

Stefano

jamesprescottjoule ha detto...

vi prego di spiegare una cosa a un'ignorante: perchè da un po' di tempo sui telegiornali importanti quando si parla del prezzo del petrolio considerano SOLO quello 'scambiato sui mercati asiatici'? (prima parlavano SOLO di quello scambiato a new york e a londra). fatemi notare se ho detto fesserie. grazie a tutti

Anonimo ha detto...

La crescita dell'eolico ha un potenziale enorme ben superiore alle stime di fattibilità; da non sottovalutare il micro eolico che come potenziale è anch'esso notevole.
Come detto giustamente nell'articolo, l'idroelettrico ha avuto un incremento grazie all'inverno eccezionalmente piovoso. In caso di magra (inverno 2006-2007) si attesta sul 12%.
Anche quì il potenziale non espresso è non indifferente: sul micro idro, tipo acqua fluente, ci
sono molte centinaia di centrali dismesse o realizzabili.
Luigi Ruffini

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny