venerdì, giugno 11, 2010

La perdita di petrolio nel golfo del Messico non si ferma più. Aiuto!




Questo pezzetto è veramente divertente; e anche un po' deprimente. E' in inglese ma credo che non sia necessario capire esattamente cosa dicono per goderselo. Buona visione

2 commenti:

Stefano ha detto...

bellissimo

divertente e tresite anche questa vignetta
http://www.time.com/time/cartoonsoftheweek/0,29489,1991157,00.html?xid=newsletter-cartoons-weekly

Francesco ha detto...

..Eccezionale come al solito prof. Bardi; cmq, fra gli altri, ho letto la rivolta di Gaia di Lovelock ed in effetti mi ha fatto tornar a riflettere come il cancro sia sempre esistito e sempre esisterà essendo noi esseri che respiriamo ossigeno e producendosi a livello mitocondriale lo ione superossido che non sempre viene neutralizzato dagli enzimi cellulari preposti..Notevolissimi anche i brevi accenni ai cancerogeni naturali,( una su tutte l'aflatossina delle noci ammuffite ), e la vacuità, quando non la perversione, della ospedalizzazione dei malati cronici.
PUò confermarmi che dalle rocce granitiche è possibile estrarre uranio per le centrali a fissione con un EROI 5 volte superiore a quello del carbone ?