lunedì, gennaio 31, 2011

Fuoco amico




Morire in guerra è sempre un evento drammatico, ma lo è ancora di più quando capita di essere ammazzati dal cosiddetto fuoco amico, cioè per errore dall'esercito di cui si fa parte.

Nella guerra, per fortuna metaforica, in corso tra le fonti rinnovabili, i combustibili fossili e il nucleare, sta accadendo in Italia qualcosa di simile, cioè alcuni personaggi della stampa come Pirani o la Gabanelli, che ci aspetteremmo di trovare nel nostro campo di battaglia, cominciano a sparare inspiegabilmente contro le rinnovabili.

Ho affrontato questo tema, cercando di indicare agli autorevoli giornalisti quali fossero gli errori che li inducono a sbagliare la mira del bersaglio energetico, in questo articolo e in quest'altro.

Ma, con piacere, ho scoperto che un ambientalista molto più autorevole di me, l'ex Ministro dell'Ambiente, Edo Ronchi, ha replicato più o meno con le stesse mie argomentazioni a Gabanelli e Pirani. Per questo vi propongo di seguito integralmente l'ultima lettera di Ronchi al giornalista di Repubblica, che ha inopinatamente apprezzato i provvedimenti del governo che riducono i finanziamenti e pongono grossi vincoli all'eolico e al fotovoltaico.

Risposta di Edo Ronchi all'attacco di Mario Pirani al solare e all'eolico


Mario Pirani, in un recente articolo, plaude alla revisione degli incentivi sulle rinnovabili, proposta da Tremonti in un provvedimento all'esame del Parlamento.

Aggiungendo che non solo è sacrosanta questa revisione, ma che i referenti delle lobby delle rinnovabili, "mafiosi e no", stanno scatenando una corsa alle nuove installazioni e che contro questa"scorribanda" si sarebbero mobilitate le "principali associazioni ambientaliste".

In generale l'articolo è diretto contro " le truffe che, grazie agli incentivi eccessivi, si accompagnano al proliferare degli impianti eolici, sia contro le devastazioni del paesaggio agricolo in seguito alla messa in opera su troppe vaste estensioni di terreno di pannelli fotovoltaici".
In effetti se il citato provvedimento fosse approvato nel suo testo originale, tagliando di colpo del 30% gli incentivi per l'eolico e vietando gli impianti solari consistenti in qualunque area classificata agricola, comprese quelle molto estese dove ormai non si coltiva più nulla e di nessun particolare pregio naturalistico, e limitando fortemente anche quelli piccoli in tali aree, si otterrebbe il bel risultato di stroncare lo sviluppo, in atto anche in Italia come nei principali altri Paesi del mondo, delle nuove fonti rinnovabili.

Il WWF, Legambiente e Greenpeace che rappresentando in Italia oltre il 90% degli iscritti, sono "le principali associazioni ambientaliste", hanno tenuto il 14 maggio, in una sala del Senato, una conferenza stampa, dove ero presente, dove hanno presentato delle proposte di emendamenti proprio su quel provvedimento, chiedendo, in difesa dello sviluppo delle rinnovabili indispensabili per contrastare la crisi ambientale più grave della nostra epoca, di ridurre il taglio degli incentivi al 15% e di non vietare per legge gli impianti solari a terra in tutte le aree agricole, ma solo nelle aree agricole dove si realizzano produzioni strategiche, attuando le linee guida recentemente introdotte, nel rispetto delle valutazioni ambientali e di incidenza previste dalle normative ambientali e paesistiche vigenti, affidando l'attuazione di tale indirizzo alle Regioni.

Aggiungo che tale posizione, condivisa dal sottoscritto, è stata espressamente apprezzata anche da esponenti di associazioni dei produttori di rinnovabili presenti.

Chi si oppone in maniera così virulenta, addirittura in nome dell'ambiente, ad uno sviluppo consistente delle fonti energetiche più pulite e rinnovabili,come il solare e l'eolico, ha il dovere di indicare le alternative praticabili e disponibili a minore impatto. Altrimenti siamo alle solite: no anche all'impianto di compostaggio perché non mi piace,poi abbiamo i rifiuti per strada,no alla tranvia e alla metropolitana,poi il centro si intasa di auto.

Per mitigare la crisi climatica, tagliando le emissioni di gas di serra,in tutto il mondo si punta su una forte crescita della produzione di elettricità da fonti rinnovabili. Tale crescita è trainata da due fonti in maggiore crescita : il solare e l'eolico.

Chi afferma il contrario o è disinformato o racconta fesserie. Sono previsti in Europa obiettivi obbligatori, fissati da una Direttiva, di sviluppo delle rinnovabili al 2020 e le trattative internazionali in corso prevedono ulteriori e più drastici tagli di emissioni di gas di serra anche successivamente, al fine di contenere le variazioni di temperatura globale nei 2 gradi centigradi. In Italia con l'eolico nel 2010 sono stati prodotti 8,3 miliardi di chilowattora,con il solare 1,6 miliardi , con una consistente crescita rispetto all'anno precedente. Per attuare la direttiva europea dovremo produrre oltre 20 miliardi di chilowattora da eolico e circa 11 miliardi da solare,secondo il Piano presentato lo scorso anno: quindi moltiplicare per 2,4 gli impianti eolici e per 6,8 quelli solari.

Leggo che la mafia investe anche nei ristoranti. Mi aspetto quindi un prossimo articolo di Pirani che attacchi la lobby dei ristoratori e chieda la chiusura dei ristoranti.

Edo Ronchi
Roma, 26 gennaio 2011

4 commenti:

Arturo Tauro ha detto...

Condivido l'affermazione di fuoco amico: purtroppo,alcuni affermati giornalisti, neppure sanno che il fotovoltaico non funziona LA NOTTE. Come si può pensare di andare avanti in questo paese? www.youtube.com/watch?v=k6NVxmNq5R4

Pippolillo ha detto...

Senza contare il piccolissimo particolare che per la prima volta nella storia dell'umanità moderna, forse, avremmo delle produzioni industriali che farebbero bene all'Ambiente dando pure posti di lavoro!
Ma si sa che è meglio finanziare la TAV, gli inceneritori, le centrali nucleari... continuate voi.

MgMonte ha detto...

Condivido, e chiedo a chi sostiene il nucleare, dicendo che il fotovoltaico puo' vivere solo grazie agli incentivi, come pensano che siano finanziati gli impianti nucleari ! Miliardi di euro in nbuon parte pubblici che potrebbero avere effetti forse tra 10 anni, mentre l' impianto fotovolatico è finanziato totalmente dal privato e solo DOPO che inizia a produrre viene incentivato !
Mi sembra una differenza non da poco, non citando neppure i problemi di inquinamento e sicurezza del nucleare...
Max

roberto ha detto...

personalmente ho mandato a quel paese il wwf di cui ero socio da oltre 10 anni. il wwf plaude al divieto di installare un parco eolico in un piccolo comune in provincia di chieti.be da me non vedranno piu' un centesimo. neanche mi hanno risposto. bisogna smettere di finananziare queste onlus quando non ci ascoltano. le pale eoliliche uccidono gli uccelli. ma dove stanno tutti questi uccelli morti sotto le tubine gia' installate? sono un branco di idioti con il brent a 100 dollari si permettono pure di limitare le energie rinnovabili , le uniche che possono limitare il ritorno del medioevo e la salvezza della democrazia.