martedì, aprile 15, 2008

Clima ed Energia: le sfide del futuro




Il titolo riprende la frase finale del meteorologo Luca Lombroso, socio Aspoitalia, intervistato il 9 aprile da Corrado Augias a Le Storie (cliccare sull'immagine per andare al link della puntata).

Il fatto che la televisione dia spazio in orari "abbordabili" a temi come questi è senz'altro positivo. Luca, in una mezz'oretta, ha avuto modo di toccare una gran quantità di aspetti che si intrecciano in quella che è la complessità dei sistemi. Buona visione.


[I commentatori e i lettori che lo desiderano, possono inviare materiale che ritengono interessante per la discussione a franco.galvagno@gmail.com. Esso potrà essere rielaborato oppure pubblicato tal quale (nel caso di post già pronti), sempre con il riferimento dell'autore/contributore]

5 commenti:

Anonimo ha detto...

C'è aria di disperazione... nessuno fa più commenti...

Anonimo ha detto...

Io non riesco a vedere nemmeno il filmato...

christophe Terrasson ha detto...

Sullo stesso argomento, avete visto l'articolo della Repubblica di Torinoa proposito del veicolo del futuro ?

http://torino.repubblica.it/dettaglio/H-due-il-veicolo-del-futuro-e-unidea-tutta-piemontese/1445444

--ChT

Anonimo ha detto...

Bello quel veicolo del futuro ad idrogeno riportato da Repubblica.
Quale futuro però? Quando tramonterà una volta per tutte la bufala dell'idrogeno?

Paolo B.

Anonimo ha detto...

Dobbiamo porre attenzione a come si presentano determinati argomenti, seppure bassati su ricerche scientifiche e dati reali.
LA gente di catastrofismo ne ha piene le ....non ne vuol più sentir parlare. Credo a ragione.
Per avere efficacia occorre presentare le cose in altri modi.

Il prof. BArdi, ad esempio, per il picco del petrolio, è un esempio da imitare.

Nota informativa: oggi sul Sole un articolo sul petrolio con l'informazione del "picco russo" fatto l'anno scorso. Secondo dirette dichiarazioni russe, la produzione toccata nel 2007 resterà alla storia e non sarà mai più eguagliata dalla loro industria.
Infatti siamo a 114 $...non immagino cosa succederà se risalisse il $ sull'€ e il petrolio non arretrasse proporzionalmente
Fab