mercoledì, febbraio 27, 2008

Il commento di "Le Chat"



In questo momento, tutto torna preciso: Il barile a 100 dollari, l'oro a 1000.
L'Euro a 1,50 e la banchisa polare a zero







[I commentatori e i lettori che lo desiderano, possono inviare materiale che ritengono interessante per la discussione a franco.galvagno@alice.it. Esso potrà essere rielaborato oppure pubblicato tal quale (nel caso di post già pronti), sempre con il riferimento dell'autore/contributore]

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Chi era che dava il petrolio a 67 dollari per il natale 2007?

AH AH AH AH

Ugo Bardi ha detto...

Se per questo, Michael Linch lo dava sotto i 40!

Anonimo ha detto...

...e dietro l'angolo c'era quello a 10 dollari dell'Economist.
Comunque,è meglio così: sembra che la gente non capisca altro e confonda spesso ecologia con taccagneria.Purtroppo ancora una volta ne fatranno le spese le fasce più deboli (qui in ufficio sento ancora parlare di acquistare Suv).
Mimmo.

Anonimo ha detto...

Non so se avete notato, ma questa volta nessuno ha dato giustificazioni del tipo: causa delle tensioni in MO, incursioni di guerriglieri, scioperi, incendi, maltempo in qualche remoto angolo del mondo.
Sulle cause degli oltre 100 dlr al barile c'è un quasi totale silenzio, inoltre nessuno prevede cali a breve.
Che stia cambiando qualcosa nella percezione comune?
Andrea De Cesco

Alex ha detto...

Se pensiamo che ci sono dei finti scienziati che dicono che il riscaldamento globale non è colpa dell'uomo ma è un processo naturale....in che mani siamo?
Se i politici e gli studiosi sono quasi tutti a libro paga delle corporation? Poi ti chiamano catastrofista... io vedo nero...però non vedo petrolio ;)
Qua a Torino è parecchio che non piove e stamattina attraversando la strada che mi porta in ufficio (con parecchio traffico) sentivo proprio odore di aria inquinata, di polveri....che schifo

Anonimo ha detto...

Alex, dal 1 gennaio a ieri abbiamo superato 32 volte la soglia massima di 50 microgrammi per metrocubo di PM10 e l'abbiamo superata di slancio (valori di 2 o 3 volte la soglia massima). In un anno si può sforare il limite non più di 35 volte. I cittadini continuano a usare le auto e i governanti non fanno assolutamente niente di utile per porre rimedio a questa situazione gravissima.
Fabio

Mario ha detto...

Inflazione primaria ammessa per la prima volta dall'ISTAT in Italia: 5%

Alex ha detto...

Anonimo io purtroppo uso l'auto x andare in ufficio e fare 15 km scarsi. Perchè? perchè dovrei prendere altrimenti 3 autobus ed impegarci + di un'ora mentre con l'auto me la cavo in 20 minuti.
Vorrei usare i mezzi pubblici, quando posso cammino e pedalo. Ma se ora dovessi andare in ufficio in bici rischierei la vita percorrendo strade senza piste ciclabili e percorse da migliaia di auto