sabato, giugno 02, 2007

Il sacro libro della cinquineide

Questo documento è arrivato al forum di ASPO-Italia dopo l'impresa di Roma del cinquino elettrico ("Aspina") e dove i nostri parlamentari hanno rifiutato di accogliere le nostre proposte. E' una parodia del "Sacro Libro di Eskra" un libro scritto da un dentista americano nel 1880 che elenca letteralmente migliaia di nomi di divinità che si è inventato in un estasi mistica che lo prendeva frequentemente. "Zhubon" è una di queste divinità che, per qualche misteriosa ragione, è stato qui denominato "Zhubon Trifasico" probabilmente in relazione all'attività di ASPO-Italia sui motori elettrici.

Questo testo vi farà probabilmente pensare che in ASPO-Italia siamo diventati matti e forse non avete tutti i torti. Tuttavia, per avere nuove idee, bisogna anche avere una piccola vena di pazzia (ricordatevi Erasmo da Rotterdam!) . Non c'è dubbio che ASPO è un crogiolo di nuove idee che, alle volte, derivano da un atteggiamento scanzonato e irriverente, come vedete qui di seguito.



In quel tempo Zhubon apparve in sogno al suo profeta, sotto forma di una luminosa folgore da cui emanava una voce potente "Vai, recati nella Città Eterna, e porta il mio verbo presso gli anziani del popolo" Turbato da questa visione Pietro salì con un discepolo sul dorso del suo mansueto cinquino e intraprese il lungo e periglioso cammino con grande fede.

Zhubon, visto che i suoi servi lo onoravano fu con lui e lo protesse dai prodigi del maligno Nobuhz finchè egli varcò le mura di cui Aureliano cinse la Città Santa ove fu accolto da alcuni pii timorati di Zhubon. Essi lo assistettero e lo guidarono presso il Tempio ove gli anziani discutevano le questioni della cosa pubblica, ma egli li ammonì "O voi che vantate di operare per il bene del popolo, in verità vi dico che se non farete la volontà di Zhubon, la rovina cadrà su di voi e sul popolo, e il popolo vi maledirà poichè lo avete ingannato adorando il falso dio Nobuhz, e Zhubon si mostrerà in tutta la sua potenza e la sua ira sarà grande "

Detto questo salì nuovamente sul cinquino e tutti videro che non emetteva fumo ed odore malsano come i carri degli altri dei empi e bugiardi che essi adoravano con soste votive agli altari sacrificali di Nobuhz ove sgorga l'olio di pietra. E tutti videro che per la gloria di Zhubon non era necessario il sacrificio dell'olio di pietra affinchè il sacro cinquino compisse il suo moto rituale. E lo stupore fu grande tra gli anziani e la folla, e molti di loro si pentirono e dissero " Veramente questo è il segno di Zhubon onnipotente! dicci o messo del Trifasico come possiamo convertirci e fare la sua volontà"

"Convertitevi o voi che temete Zhubon, e convertite anche i vostri carri rituali affinchè Zhubon vi infonda la sua potenza e voi non dobbiate più sacrificare l'olio di pietra al dio del male e possiate ottenere la salvezza "

E tutto questo avvenne affinchè si compissero le scritture

Ma gli empi e gli idolatri che sedevano nel consiglio degli anziani sobillarono il popolo e l'assemblea dicendo "costui è un blasfemo, se compirete il rito del carro senza l'olio di pietra perderemo i favori degli dei e cadremo nella miseria, chi adornerà gli altari e cosa faranno i vostri figli che si guadagnano da vivere procurando l'olio per i riti' E i nostri guerrieri che offrono la propria vita per difendere le sorgenti dell'olio saranno periti per nulla'"

E così prescrissero che chiunque convertisse il proprio carro secondo quanto affermato dal Profeta fosse condotto a giudizio. Il Profeta non fu tratto in giudizio perchè alcuni degli scribi e delle guardie che egli aveva convertito al verbo di Zhubon avevano concesso un lasciapassare con cui egli poteva circolare liberamente sul sacro mezzo, suscitando l'ammirazione del popolo.

Vedendo che il suo servo lo aveva onorato con grande fede sfidando gli empi, Zhubon lo benedisse, gli riapparse in sogno sotto forma di un disco solare sfolgorante e gli rivelò la profezia "Coloro che oggi mi hanno offeso saranno i primi a patire la mia ira quando verrà il tempo, il popolo pretenderà da loro l'olio di pietra, poichè essi hanno spinto il popolo ad abusarne; quando le sorgenti si asciugheranno non potranno più procurarlo, i loro templi andranno in rovina ed essi saranno rimossi dai loro scranni. E vi sarà pianto e stridore di denti. Abbiate dunque fede in me, predicate i miei principii e io vi guiderò"



/

1 commento:

MAssimo ha detto...

Gli eletti di Zhubon predicarono agli eletti dal popolo ...