lunedì, giugno 04, 2007

Marte si scalda? Ma allora l'effetto serra è una bufala!

Approfitto di questo post per annunciare la conferenza "Effetto Serra: Responsabilità dell'Uomo o della Natura?" che si terrà presso la facoltà di ingegneria a Bologna, Mercoledi' 6 Giugno 2007 a partire dalle 9:30. Fra gli oratori, due membri di ASPO-Italia, Ugo Bardi e Antonio Zecca.


Fra le tante leggende che girano su internet, un gran numero sono a proposito del riscaldamento globale. Ultimamente, ne è venuta fuori una che dice, più o meno, "Marte si sta scaldando (oppure anche "tutti i pianeti si stanno scaldando") ne consegue che il riscaldamento globale sulla terra non è dovuto alla CO2 ma al sole."

Un membro di ASPO-Italia riporta di essersi sentito raccontare questa storia in un bar malfamato sulla Tiburtina. Non indaghiamo su cosa facesse il membro in questione in tale luogo, né come sia entrato in questo tipo di discorsi. E' vero però che la faccenda di Marte che si scalda imperversa non solo nei bar malfamati, ma anche sulla stampa.

Allora, cosa c'è di vero in questa faccenda? Dobbiamo veramente buttar via più di vent'anni di ricerca sul clima per via di questo strano comportamento del pianeta rosso? Come al solito, le leggende sono una miscela di verità, di falsità, e di interpretazione sbagliata.

In primo luogo, è vero che Marte sembra scaldarsi ultimamente. C'è un rapporto su "Astronomy" che dice che il ghiaccio al polo sud marziano sta evaporando; cosa che somiglia un po' a quello che sta succede per il ghiaccio terrestre, a parte che da noi il ghiaccio è fatto d'acqua, laggiù di CO2. Una spiegazione possibile è che il ghiaccio si scioglie perché il sole è stato più caldo ultimamente, e non c'è dubbio che nel bar sulla Tiburtina l'avessero intesa in questo modo. Da questo, l'inferenza che non è la CO2 ma il sole a causare il riscaldamento globale terrestre.

Piccolo problema: abbiamo fior di satelliti che misurano l'irradiazione solare. Quello che ci dicono è che questa irradiazione sta leggermente diminuendo. Quindi, qualsiasi cosa stia succedendo su Marte NON è dovuta a un aumento dell'irradiazione solare. Semmai, sembra semplicemente che sia l'inverno marziano che sta finendo nell'emisfero sud, per cui i ghiacci si sciolgono.

Da qui, si potrebbe chiudere dicendo che la questione di Marte che si scalda è una fesseria se la si intende come negazione del ruolo umano sul riscaldamento globale. In realtà la questione è un po' più complicata. Ci sono, in effetti, dei ricercatori che credono che il meccanismo sarebbe dovuto al "vento solare", ovvero alle particelle cariche ad alta energia (protoni ed elettroni) emesse dal sole.

Ci sono dei fenomeni complessi connessi con il vento solare che interagisce con il campo magnetico terrestre e con l'atmosfera. In ogni caso, l'effetto sarebbe di stimolare la formazione di nubi, oppure inibirla. Negli ultimi anni, il vento solare è aumentato di intensità come risultato dei normali cicli solari e - secondo alcuni - questo aumento potrebbe spiegare l'incremento di temperatura terrestre.

Ma qui c'è un altro problemuccio, anzi due: 1) Marte non ha nubi* e 2) Marte non ha un campo magnetico. Qualunque cosa stia succedendo laggiù come effetto del vento solare NON ha niente a che vedere con quello che sta succedendo sul nostro pianeta.

Quindi, non c'è niente in questa storia del riscaldamento di Marte che ci possa far cambiare idea riguardo a tutto quel che sappiamo del clima terrestre. Niente di più delle varie leggende degli omini verdi e delle invasioni dei dischi volanti.

Se volete saperne di più, leggete questo articolo su realclimate



*nota: se proprio uno vuole essere pignolo, su Marte ci sono occasionali nuvole di vapore acqueo nella zona equatoriale , troppo poche e troppo deboli per avere un effetto importante.



/

3 commenti:

ariafritta ha detto...

Appena c'è una minima notizia (es.: "anche Marte si scalda!") che possa dare la carica a conservatori, liberisti e tocquevillers vari, costoro vi si buttano sopra a corpo morto e la ripetono ossessivamente...

Ben vengano dunque le smentite.

Frank Galvagno ha detto...

Ugo, grazie per il post chiarificatore.

Una domanda:
i satelliti rilevano sia le variazioni di radiazione elettromagnetica, che quelle del vento solare?

Ugo Bardi ha detto...

Non so se gli stessi satelliti misurano entrambe le cose. Sicuramente tutti e due i parametri sono monitorati in un modo o nell'altro