lunedì, novembre 12, 2007

Franco Galvagno direttore del blog "ASPOItalia"

Il blog ASPO-Italia ha avuto un buon successo in poco più di un anno; cosa che oggi ci spinge a cercare di migliorare ancora. Finora, sono stato io a occuparmi un po' di tutto; soprattutto a scrivere i post, ma anche a editare i contributi, stimolare altri a scriverli, eccetera. A questo punto credo che ci sia bisogno di fare di più e credo di non potercela fare da solo.

Mi sono accorto, in effetti, che gestire un blog è un'impresa che ti assorbe in un modo impressionante. E' coinvolgente, da delle grandissime soddisfazioni, ma alla fine è troppo. Comincio a soffrire della sindrome dell'overblogging.

D'altra parte, avevo sempre pensato al blog di ASPO Italia come un blog collettivo, per cui forse è meglio per me che ora prenda un po' le distanze. Non che voglio smettere di pubblicare post, assolutamente no. Ma penso che se riduco un po' l'impegno a gestire il blog potrò scrivere cose migliori. Mi piacerebbe anche dedicare un po' di tempo a scrivere in Inglese per TOD (The Oil Drum). Questo, d'altra parte, potrà dare più spazio ad altre persone che potranno dare un contributo anche migliore del mio sul blog ASPO-Italia.

Così, da una discussione con i soci di ASPO-Italia, è venuto fuori che Franco Galvagno accettava volentieri l'impegno di gestire il blog; cosa che abbiamo deciso di fare. Quindi, da oggi Franco è il direttore "ufficiale" del blog. Non è che ci saranno cambiamenti radicali; le stesse persone che hanno scritto post finora continueranno a scriverli (almeno spero) e speriamo anche che ci siano nuovi autori che vogliano proporci il loro lavoro.

Se vi sembra di avere un buon contributo da pubblicare su ASPO-Italia, mandatelo a Franco Galvagno update(franco.galvagno.3@alice.it) che lo valuterà. Accettiamo contributi sulle tematiche della nostra associazione, ovvero problemi "strategici" di energia, materie prime e ambiente. Ci interessano post che riportano dati, fatti e notizie, piuttosto che pure opinioni. Ci interessano anche traduzioni dall'inglese di articoli interessanti, soprattutto da TOD. Alla fine dei conti, comunque, sono due i fattori che contano: la qualità scientifica e il valore informativo per il lettore. Se pubblicare o no, sarà deciso sulla base di questi due fattori. Nel caso sorgesse qualche controversia, dirimerà il comitato scientifico di ASPOItalia.

Mille grazie, quindi a Franco Galvagno, del quale ecco qui una breve bio:

Durante gli studi universitari di Chimica si orienta in particolare sulla chimica-fisica dei Materiali, sulle Risorse e sull'Ambiente. Dal 2001 al 2006 ha ricoperto i ruoli di garanzia qualità, gestione di laboratorio Chimico, trattamento dei reflui, sistemi di gestione ambientale. Attualmente si occupa in particolare di un progetto di ottimizzazione sulle materie prime, processi e prodotti (settore industriale: Gomma). Dal 2004 è iscritto a Matematica, dove segue seminari e ha la possibilità di tenere contatti con l'ambiente universitario.Tra gli interessi extra ci sono le lingue straniere e il cicloturismo. A inizio 2007 scopre ASPO e altri siti amici, che lo portano ad approfondire maggiormente le problematiche Energetiche e quelle connesse.



...

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Auguri e buon lavoro.

Massimo Prandi

Frank Galvagno ha detto...

Ho accettato volentieri la proposta di Ugo, anche se ammetto di averci dovuto pensare su un attimo ... come penso tutti voi, mi ritengo utile ma non indispensabile :-)

Il Blog non dovrebbe risultare stravolto, quello che è certo è che il livello, i contenuti, lo stile e la comunicatività di Ugo sono ordini di grandezza superiori alle mie capacità e conoscenze.

Ma il bello di ASPO è che con Ugo c'è tutta una rete di persone, ognuna con notevoli competenze, che continuerà, quando vorrà, a proporre post (senza necessariamente passare da me!).

Quello che potrò fare, dunque, sarà dare una mano nella gestione del flusso dei post, fungendo un po' da facilitatore e stimolatore.

Ringrazio tutta la rete ASPO e i simpatizzanti, che offrono a me e ad altri la possibilità di apprendere e condividere conoscenza scientifica su questioni fondamentali.

Anonimo ha detto...

Buon Lavoro
Cataldo

Frank Galvagno ha detto...

Grazie Cataldo,
leggo spesso i tuoi commenti su Petrolio, li trovo estremamente analitici e profondi.

Grazie Massimo Prandi

Se evete "in cantiere" dei post sui temi ASPO, potete inviarmeli, rispettendo i macrocanoni spiegati da Ugo Bardi

ciao

felis ha detto...

Uau, che carriera fulminante in ASPO! :)

In bocca al lupo e buon lavoro, sarà difficile fare meglio di Ugo! ;)

angelo ha detto...

Buon lavoro! In bocca al lupo!

...e speriamo di non finire tartassati anche da te con le solite storie sulle pipistrelliere e sui trattori elettrici (scherzo)!

Frank Galvagno ha detto...

Grazie Felis

bè dire "carriera" è troppo, per me è un'attività volontaria che faccio come socio, ovviamente prima o poi il fato mi riserverà un pagamento in natura (sottoforma di Petrolio, LOL )

può essere "bruttino" dirlo perchè sembra che voglia sbolognare un lavoro appena iniziato, :-) , ma in ASPO e tra voi c'è un sacco di gente in gamba almeno quanto me... poichè non sono indispensabile e non mi chiamo Mastella... bè avete capito.

Fare meglio di Ugo? IMPOSSIBILE
(guai Ugo se mi abbandoni in toto... il delta sarebbe troppo evidente :-) )

Grazie Angelo,
ah ah sui pipistrelli e trattori elettrici non ho assolutamente esperienza. Solo una volta ricordo di averci messo 1/2 ora a scacciare un pipistrello che era entrato nella mia stanza per sbaglio

pierino c ha detto...

auguri per la nuova avventura

antonello ha detto...

Complimenti Frank, ma fatti vedere più spesso nel blog petrolio. Ci manchi.

Frank Galvagno ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Frank Galvagno ha detto...

Grazie per gli incoraggiamenti Pierino a Antonello

ma non dimenticate che sono solo un vettore

il blog SIAMO NOI TUTTI

:-)

Luca Pardi ha detto...

Auguri di buon lavoro.
Luca

gerdmuller13 ha detto...

Ma mi faccia il piacere!!!!!