mercoledì, maggio 20, 2009

Obama, la Fiat e il picco del petrolio

In questo mio articolo avevo brevemente recensito il film W., citando in particolare un illuminante e secondo me veritiero dialogo nello Studio Ovale della Casa Bianca, che spiega i veri motivi della guerra in Iraq, contrariamente alla versione ufficiale, rivelatasi poi infondata, della presenza di armamenti nucleari in possesso del satrapo Saddam Hussein.
Pensionato Bush, gli americani si sono affrettati a smentire uno dei luoghi comuni e degli argomenti più frequenti dell’antiamericanismo ideologico nostrano, quello di essere un popolo razzista, eleggendo il primo Presidente di colore della propria storia democratica.
In questo mio precedente articolo avevo preso nettamente posizione a favore della sua rivale Hillary nelle primarie del Partito Democratico. La mia beniamina è arrivata a un soffio dalla nomination e a una presidenza ancora più improbabile di quella di Obama, in un immaginario politico ancora profondamente maschile, ma anche per questo è stata insignita di una delle più alte cariche governative, quella di Segretario di Stato.
Devo dire però che, almeno in parte, mi sono ricreduto sulle capacità di Obama che, con il suo invidiabile stile disinvolto e rilassato (in inglese “understatement”) sta prendendo delle decisioni difficili in un momento storico terribile. E’ troppo accondiscendente nei confronti delle lobbies bancarie e finanziarie che con delinquenziale spregiudicatezza hanno causato la crisi economica che stiamo vivendo, ma sul piano energetico si sta muovendo bene. Ha annunciato una “rivoluzione verde” nel settore delle rinnovabili e del risparmio energetico promettendo un cambio di linea radicale degli Stati Uniti nella lotta ai cambiamenti climatici, ma è soprattutto nel settore dei trasporti che la sua strategia si differenzia radicalmente da quella del suo predecessore. Obama sembra aver capito chiaramente che il modello di mobilità preferito dai propri concittadini, fondato sull’uso smodato del trasporto individuale su gomma e del trasporto aereo, non ha futuro energetico e, nel recente viaggio in Europa, ha pubblicamente manifestato apprezzamento per gli efficienti sistemi di trasporto collettivo su ferro molto diffusi nel nostro continente (per fortuna non è venuto in Italia).
Si rende però conto che una svolta radicale in comportamenti profondamente connaturati allo stile di vita americano è poco praticabile. Come ho scritto in quest’altro articolo, il mito di libertà pionieristica racchiuso in quegli scatoloni metallici divoratori di benzina su cui amano passare gran parte della propria vita gli americani, sarà duro a morire. In termini di immaginario collettivo, chiunque abbia letto “On the road” di Jack Kerouac o abbia visto film come “Thelma e Louise” capirà quello che dico.
Allora, il Presidente Obama sta provando a procedere per gradi. Evita il fallimento delle potenti industrie automobilistiche nazionale con cospicui aiuti di Stato, ma in cambio impone l’accordo della Chrysler nientepopodimenoche con il topolino italiano Fiat che entra alla grande nel colosso americano senza metterci una lira (pardon euro), in cambio solo del Know how tecnologico accumulato nella produzione di macchine di serie a bassi consumi. E annuncia un piano per la riduzione drastica dei consumi energetici delle automobili americane entro il 2016.
Si tratta ovviamente di una scommessa difficile da vincere, ma la strategia è chiara: la riduzione della produzione conseguente al picco del petrolio sarà affrontata questa volta dagli Stati Uniti in maniera radicalmente opposta a quella di Bush: fine, anche se più lenta e graduale del previsto, dell’occupazione militare in Iraq per controllare i flussi petroliferi del medio Oriente, e riduzione dei faraonici consumi petroliferi interni con l’utilizzo di tecnologie più efficienti. Auguri, Mr. Obama!

8 commenti:

Paolo ha detto...

“understantmen"? Forse intendeva "understatement"?

Pippolillo ha detto...

Il problema negli USA sarà che per qualche anno, quando ancora circoleranno migliaia di SUV, aumenteranno gli incidenti mortali. A causa delle differenze altezze da terra e conformazione del veicolo, pensate a quello che succederà nello scontro tra una Fiat 5oo ed un Hammer o veicoli similari.
Per il resto, W Obama, noi ci teniamo lo psiconano.

Anonimo ha detto...

Credo che Obama, sia una persona di intelligenza e capacità politica straorinaria, penso lascerà un segno indelebile nella storia e nella politica americana. Del resto l'ha dimostrato con due campagne elettorali trionfanti (primarie e presidenziali) che hanno consacrato questo personaggio, un paio di anni fa praticamente sconosciuto. Credo, anche se non ho alcuna notizia in merito, che lui abbia intuito cosa sia il picco del petrolio o in ogni caso i limiti economici di un economia alimentata da energie non rinnovabili, pertanto abbia capito analogamente a Roosevelt negli anni 30, che l'economia e l'intera struttura sociale degli Stati Uniti se non vuole essere travolta da una decadenza irreversibile debba cambiare la propria architettura portante, e per fare questo abbia bisogno di nuove forme di energia, rinnovabili, allo stesso modo in cui Roosevelt, passò da un economia basata sul carbone ad una petrolifera per uscire dalla Grande Depressione.
Andrea De Cesco

Terenzio Longobardi ha detto...

Grazie Paolo per la segnalazione, il mio inglese è molto "maccheronico". Ho già corretto l'errore.
Per quanto riguarda le riflessioni di Andrea De Cesco, confermo che il mio articolo tende proprio a suggerire che la politica di Obama e quella di Bush siano state entrambe condizionate, con risposte diverse, dalla consapevolezza del picco del petrolio.

Frank Galvagno ha detto...

La proposta di Obama, è un buon inizio e comunque un passaggio necessario per sradicare la cultura dei SUV da 7 km/L di media; realisticamente, per effetto inerziale dellla massa veicolare e del sistema di lavoro a distanza, temo non basterà a sottrarci da un feedback sistemico da shortage petrolifero, più o meno nello stesso periodo (2016)

Mario ha detto...

Kerouac? Non mi dire che da ragazzotto eri freakkettone! :D

Terenzio Longobardi ha detto...

No Mario, ero un ragazzotto convenzionale dedito assiduamente alla lettura e, in quel periodo, non si poteva non leggere "On the road" che, a parte la moda, era un testo anche letterariamente di un certo livello.

Anonimo ha detto...

Post: "[...] in cambio solo del Know how tecnologico accumulato nella produzione di macchine di serie a bassi consumi."

Le auto europee attuali sarebbero "a bassi consumi"? Con tutto il peso inutile che hanno da tirarsi dietro? Non scherziamo! Saranno magari "bassi consumi" se comparate agli ancor più demenziali veicoli amerrecani, ma stiamo sprecando tanto, ma tanto di quel carburante pure noi! Quanti km potrebbe percorrere con un litro di benzina una 127 del 1980 (peso circa 700 kg) munita di un motore da 50 CV attuale? Quanti km percorre, mettiamo, una attuale Fiat Punto ultima serie (peso circa 1100 kg)? Personalmente non so rispondere, ma temo che la differenza sia eclatante, se non altro per un fattore di massa grezza in movimento. Da quali indispensabili elementi derivano quei 4 quintalotti? Nessuno. Ergo...