sabato, maggio 30, 2009

Un desiderio chiamato tram

Lo dico senza ironia, domenica scorsa ho assistito direttamente a quello che secondo me è stato il più importante evento della giornata nazionale dopo le confessioni dell’ex fidanzato di Noemi Letizia, il completamento dei lavori della linea tranviaria Scandicci – Firenze, con l’arrivo del tram nei pressi della Stazione ferroviaria di S.Maria Novella, dopo aver percorso l’intero tracciato utilizzando completamente l’alimentazione aerea. Quando il tram silenziosamente ha fatto ingresso nel piazzale antistante la stazione, è stato accolto da uno sventolio di bandiere, dagli scatti delle macchine fotografiche e dall’applauso liberatorio di una piccola folla raccoltasi lì per l’occasione. Ho avvicinato l’assessore comunale Matulli che, essendo riuscito con grande tenacia a portare in fondo questa opera pubblica strategica, in un paese che non riesce a concludere quasi nulla, andrebbe trattato alla stregua di un eroe nazionale. Mi ha inanellato la solita infinita giaculatoria di problemi non solo tecnici che hanno accompagnato l’andamento dei lavori precisando che, quando a ottobre, dopo la fine del collaudo, partirà ufficialmente il servizio, saranno passati ben cinque anni dalla posa della prima pietra. L’ho consolato dicendogli che la media europea di realizzazione di tali infrastrutture in fondo non è molto più bassa, circa tre anni, tre anni e mezzo e che, aver raggiunto questo primo obiettivo è un passo fondamentale per il prosieguo dell’intero programma tranviario fiorentino, che prevede la realizzazione di altre due linee molto contestate. L’esperienza europea dimostra infatti che, dopo l’entrata in servizio di linee tranviarie moderne, le opposizioni e le contestazioni magicamente svaniscono, con cittadini e operatori economici che si affrettano a chiedere estensioni del servizio e la costruzione di nuove linee.
Come ho spiegato in questo mio precedente articolo, le sorti dell’intero programma tranviario fiorentino e, in particolare della linea che dovrebbe attraversare il cuore del centro storico, sono tuttora in discussione a causa delle imminenti nuove elezioni comunali.
Ennio Flaiano definiva gli italiani “un gruppo di uomini indecisi a tutto” e aveva ragione, però la riconversione della mobilità verso il trasporto collettivo su ferro è a mio parere obbligata, per i motivi contenuti nei miei precedenti articoli 1, 2, 3, e, alla fine con il solito ritardo, anche l’Italia spero si metterà al passo dei paesi europei più evoluti.

4 commenti:

Frank Galvagno ha detto...

E' incredibile vedere i tempi in gioco, soprattutto burocratici, per questo tipo di infrastrutture.

Sulla mobilità, credo che i comparti tecnici dei costruttori abbiano ben chiara la superiore efficienza del motore elettrico su quello endotermico, e del trasporto su rotaia rispetto al trasporto su gomma.

A rallentare la transizione, con tutti i rischi che ciò comporta, è la scienza della convenienza, con una spirale perversa di botta-risposta tra ciò che si aspettano i "consumatori" (SUV etc) e ciò che i costruttori sono attrezzati a produrre (SUV etc); il tutto catalizzato da meccanismi mediatici di presunto benessere (SUV anch'io etc) e, infine, amplificato dei sistemi a grandi numeri (SUV ovunque etc)

aarghhh

Pippolillo ha detto...

Da fruitore di mezzi pubblici qui a Torino, città con decine di chilometri di linee tranviarie, posso solo parlare dal punto di vista del comfort di noi passeggeri, molto superiore sui tram.
I bus benché molto migliorati negli ultimi anni, aria condizionata, sospensioni più morbide, inevitabilmente ti sballottano di continuo, anche per via degli automobilisti che li costringono a deviazioni continue e frenate improvvise.
Non mi addentro nel discorso costo/benefici economici e ambientali, non ne ho i mezzi, mi fido degli articoli riportati in questo blog.

Toufic ha detto...

speriamo che si arrivi fino in fondo; Firenze è veramente sotto pressione a causa di un traffico sempre soffocante e un inquinamento insostenibile dal punto di vista della salute. Qui tutti ormai abbiamo dolori cronici alla gola e la tosse che non ci abbandona ....

Toufic

mariaelena ha detto...

questo titolo è geniale. geniale.